Comitato Pari Opportunità processo civile telematico


slider ordine-new2

Coa Lamezia Terme: Servizio Documentale per gli iscrittiElenco Avvocati Iscritti Coa Lamezia TermeFormazione continua: Eventi Formativi Coa Lamezia TermeElenco Avvocati per il Gratuito Patrocinio a spese dello StatoServizio Tesoreria Coa Lamezia Terme

sportello del cittadino

banner-guida-fiscale

Roma 14 maggio: riunione CPO Ordini Avvocati PDF Stampa E-mail

Si terrà a Roma il 14 maggio l'incontro delle rappresentanti dei Comitati e delle  Commissioni Pari Opportunità, nonché dei Referenti P.O., ormai numerosamente presenti presso gli Ordini territoriali e le Unioni Distrettuali.  ...leggi il documento

 
Comunicazione del proprio indirizzo di posta elettronica

Al fine di poter inviare contemporaneamente a tutti gli iscritti al Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme comunicazioni di servizio e newsletter, si invitano gli iscritti a comunicare alla segreteria dell'Ordine il proprio indirizzo di posta elettronica.  In allegato modulo per la comunicazione

 
“Il legittimo impedimento delle donne avvocato” PDF Stampa E-mail
Scritto da GG Desk Coa-Lamezia   
Mercoledì 20 Aprile 2011 10:54

(Carmela Valente) - Il Comitato pari opportunità di Lamezia Terme, in data 8 aprile 2011,  ha organizzato in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità del Comune di Soveria Mannelli un Convegno avente come tema la “Tutela delle lavoratrici madri nel lavoro autonomo e subordinato anche alla luce de ddl 2360 sul legittimo impedimento delle donne avvocato”. Tale evento, accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme si è svolto presso la Sala Convegni Centro Pastorale ed è stato presentato dall’Avv. Francesca Zaccaro, Presidente del CPO di Lamezia Terme e Tesoriere dell’Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme.

Ultimo aggiornamento Venerdì 13 Maggio 2011 11:57
Leggi tutto...
 
Estratto Conto Previdenziale PDF Stampa E-mail
Scritto da GG Desk Coa-Lamezia   
Mercoledì 06 Aprile 2011 12:12

Gentili Colleghe e Colleghi, a margine della seduta di insediamento del Comitato dei Delegati, tenutasi in data 05.06.09 e che ha portato all’elezione del neo Presidente della Cassa Forense, nella persona del collega Marco Ubertini, del Foro di Verbania, ed al rinnovo della metà del CDA, si sono affrontati alcuni problemi che segnaliamo negli aspetti essenziali e più urgenti, pregandoVi di darne diffusione tra gli iscritti.

La Cassa sta inviando in questi giorni a tutti gli iscritti, ad eccezione di quelli già pensionati, il nuovo Estratto Conto Previdenziale, accompagnato da note informative per la sua

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Aprile 2011 15:19
Leggi tutto...
 
Protocollo d'Intesa PDF Stampa E-mail
Scritto da GG Desk Coa-Lamezia   
Mercoledì 06 Aprile 2011 12:16

PROTOCOLLO D’INTESA
per la promozione di “strategie condivise”finalizzate alla diffusione dei principi di pari opportunità ed alla rimozione di ogni comportamento discriminatorio per ragioni di sesso nell’esercizio della professione forense.
TRA
- Tribunale di Lamezia Terme
- Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme
- Comitato Pari Opportunità


Visti:
-         gli articoli 2,3,137,141 del Trattato CE;
-         gli articoli 1 e 2 del Trattato che istituisce la Costituzione per l’Europa;
-         la Direttiva 76/207/CEE, come modificata dalla Direttiva 2002/73/CE, inerente l’attuazione del principio di parità di trattamento per quanto concerne l’accesso al lavoro, alla formazione ed alla promozione professionale e le condizioni di lavoro;
-         la Direttiva 2006/54/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006, riguardante l’attuazione del principio di pari opportunità e di parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione ed impiego;
-         gli articoli 3 e 51 della Costituzione Italiana;
-         la Legge del 8 marzo 2000, n.53 ed in particolare l’art. 9, che prevede la promozione e l’incentivazione di forme di articolazione della prestazione lavorativa volta a conciliare tempo di vita e tempo di lavoro;
-         il Decreto Legislativo del 26 marzo 2001, n. 151, in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, come modificato dal Decreto Legislativo del 23 aprile 2003, n. 115;
-         la sentenza della Corte Costituzionale n. 385 del 14 ottobre 2005, che riconosce ai padri libero-professionisti il diritto di percepire l’indennità di maternità, in alternativa alla madre;
-         il Decreto Legislativo del 30 maggio 2005, n. 145, di attuazione della Direttiva 2002/73/CE in materia di parità di trattamento tra gli uomini e le donne per quanto riguarda l’accesso al lavoro, alla formazione, alla promozione professionale ed alle condizioni di lavoro;
-         il Decreto Legislativo dell11 aprile 2006., n. 198, c.d. “Codice delle Pari Opportunità tra uomo e donna”;
-         La Legge del 24 febbraio 2006, n. 104, in materia di tutela della maternità delle donne dirigenti;
-         Il Decreto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale del 12 luglio 2007 circa l’applicazione delle disposizioni di cui agli articoli 17 e 22 del D.lgs. n. 151/2001, a tutela e sostegno della maternità e paternità nei confronti delle lavoratrici iscritte alla gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della Legge 8 agosto 1995, n. 335;

Valutato:

-         che tutte le parti firmatarie del presente protocollo, nel rispetto dei diversi ruoli loro attribuiti, condividono l’esigenza di proporre interventi volti ad assicurare una reale parità fra uomini e donne nell’esercizio della professione forense, rimuovendo ogni comportamento discriminatorio per ragioni di genere;
-         che tutte le parti riconoscono che il tema della conciliazione è da ritenersi sempre più centrale nell’organizzazione lavorativa per consentire a donne e uomini una partecipazione equilibrata alla vita professionale ed alla vita familiare;
-         che tutte le parti condividono l’esigenza di sviluppare un’azione di collaborazione volta alla realizzazione della diffusione e valorizzazione della cultura delle pari opportunità nella professione forense;
-         che tutte le parti ritengono necessaria una sinergia tra le stesse nell’ottica di una corretta applicazione della normativa antidiscriminatoria, sviluppando un rapporto di intensa collaborazione finalizzato alla definizione di un comune progetto di attività di studio, ricerca e formazione in materia di pari opportunità;
-         che tutte le parti intendono garantire sempre l’efficienza e l’andamento della Giustizia, così come la salvaguardia del diritto alla difesa dell’assistito, mediante la costruzione di un percorso condiviso di assunzione di impegni tra i reciproci soggetti sottoscrittori.

Tutto ciò premesso il Tribunale di Lamezia Terme, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme, il Comitato Pari Opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Lamezia Terme promotore ed ispiratore del protocollo “de quo”, ognuno in persona del suo Presidente pro-tempore, si impegnano a porre in essere ogni attività utile e necessaria per promuovere l’uguaglianza fra uomini e donne nell’esercizio della professione forense, ed in particolare:

Il Tribunale di Lamezia Terme si impegna a :

promuovere e diffondere i contenuti del presente protocollo d’intesa tra i/le magistrati/e operanti all’interno del Tribunale;
riconoscere lo stato di gravidanza e maternità quale causa di legittimo impedimento a comparire, dell’avvocata civilista per le udienze di comparizione personale delle parti, per le udienze di ammissione dei mezzi istruttori e per quelle di istruzione probatoria durante i due mesi precedenti la data presunta del parto ed i tre mesi dopo il parto.
riconoscere lo stato di gravidanza e maternità quale causa di legittimo impedimento a comparire, dell’avvocata giuslavorista alle udienze fissate ex art. 420 c.p.c. ed a quelle istruttorie durante i due mesi precedenti la data presunta del parto ed i tre mesi dopo il parto.
4)      riconoscere lo stato di gravidanza e maternità quale causa di legittimo impedimento a comparire, dell’avvocata penalista ai sensi degli articoli 420 ter e 484, comma 2 bis c.p.p. con esclusione delle udienze con presenza di imputato che si trovi in stato di custodia cautelare o di detenzione, ove l’imputato chieda espressamente -analogamente a quanto previsto dall’art. 420 ter comma 5 c.p.p.-, che si proceda malgrado l’assenza del difensore ovvero laddove occorra svolgere prestazioni indispensabili in materia penale, tra quelle individuate dall’art. 4 lett.a) del codice di autoregolamentazione delle astensioni dalle udienze degli avvocati, di seguito riportate:  

“” assistenza al compimento degli atti di perquisizione e sequestro, alle udienze di convalida dell’arresto e del fermo, a quelle afferenti misure cautelari, agli interrogatori ex art. 294 c.p.p., all’incidente probatorio ad eccezione dei casi in cui non si verta in ipotesi di urgenza, come ad esempio di accertamento complesso, al giudizio direttissimo e al compimento degli atti urgenti di cui all’art. 467 c.p.p., nonché ai procedimenti e processi concernenti reati di prossima prescrizione. “”

Al fine di ottenere il rinvio:
a) le avvocate civiliste e giuslavoriste, dovranno presentare apposita istanza all’Autorità Giudicante, allegando il certificato medico indicante la data presunta del parto o il certificato di nascita, ovvero la dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. n. 445/2000, senza necessità di ulteriori specificazioni comprovanti particolari patologie. L’istanza dovrà essere ritualmente comunicata anche al difensore della controparte.

b) le avvocate penaliste dovranno tempestivamente presentare all’Autorità procedente apposita istanza corredata dalla seguente documentazione:
- per il periodo indicato dall’art. 16 del D.lgs. n. 51/2001: certificato medico indicante la data presunta del parto o certificato di nascita del neonato/a, ovvero dichiarazione sostitutiva ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. n. 445/2000, senza necessità di ulteriori specificazioni comprovanti particolari patologie;
- per il periodo anteriore a quello previsto dall’art. 16 del D.lgs. n. 51/2001, la sussistenza del legittimo impedimento dovuto a maternità dovrà, invece, essere documentata con l’allegazione di un certificato medico dal quale risulti la sussistenza di particolari patologie e/o gravi complicanze della gravidanza.

Per tutte le avvocate, in ogni caso, il rinvio concesso non potrà essere inferiore al periodo di astensione obbligatoria e, comunque, non superiore a due mesi dalla fine di tale periodo.

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati si impegna a:
- promuovere e diffondere i contenuti del presente protocollo d’intesa all’interno della classe forense;
- sostenere l’organizzazione di iniziative volte a promuovere una maggiore consapevolezza sulle discriminazioni di genere e sulla normativa in materia di pari opportunità privilegiando, in particolare, i progetti promossi dal Comitato pari opportunità;
- contribuire, attraverso l’attività formazione continua degli/delle avvocati/e, a sensibilizzare la classe forense sulle problematiche dei rapporti di genere e della conciliazione tra responsabilità familiari e professionali, impegnandosi ad accreditare eventi formativi inerenti alla materia del diritto antidiscriminatorio e delle pari opportunità a richiesta        del Comitato Pari Opportunità;
- riservare un apposito spazio denominato ”L’angolo delle Pari Opportunità” all’interno del sito del CdO destinato alla pubblicazione di provvedimenti giudiziari e/o normativi sul tema, nonché articoli, note a sentenze e/o segnalazioni del Comitato Pari Opportunità e dedicato alla composizione, allo statuto, al regolamento elettorale, ed alle iniziative del Comitato Pari Opportunità.

Il Comitato Pari Opportunità si impegna a:
- redigere periodicamente articoli e/o note a sentenza in materia di lavoro femminile, normativa antidiscriminatoria, mercato del lavoro da inserire nello spazio del CdO, curato dallo stesso Consiglio, in collaborazione con i componenti (all’uopo delegati) del Cpo;
- partecipare ad iniziative culturali, ove promosse, di Organismi locali o Nazionali forensi, politici (ad esempio Consigliera di Parità) o di altre categorie libero-professionali, favorendo e sviluppando progetti per attuare le pari opportunità nell’accesso e nello svolgimento dell’attività professionale;
- avviare e gestire un servizio di “sostituzioni in udienza” finalizzato a consentire agli/alle avvocati/e dell’Ordine di Lamezia Terme di potere rintracciare facilmente un/una collega cui rivolgersi in caso di bisogno e/o necessità (ad esempio handicap, malattia, maternità, motivi familiari) agevolando così l’organizzazione dei tempi della professione forense grazie ad un contributo effettivo all’interno della categoria;
- partecipare agli incontri formativi accreditati dal Consiglio dell’Ordine in materia di pari opportunità, favorendo il confronto, lo scambio e la divulgazione delle conoscenze in materia di pari opportunità.

Ogni Organo Sottoscrittore darà la più ampia diffusione del presente protocollo ed alle iniziative connesse nell’ambito del proprio campo operativo.

La presente intesa non comporta alcun onere finanziario per ciascun firmatario.

Le disposizioni specifiche della presente intesa costituiscono esemplificazioni dei comportamenti più ricorrenti e non limitano l’ambito di applicazione dei concetti generali espressi. In tal senso, le parti firmatarie auspicano che tutti/e i/le destinatari/e del protocollo adottino, nell’esercizio delle loro funzioni, condotte ed atteggiamenti funzionali alla realizzazione ed alla tutela dei principi di pari opportunità.
Lamezia T. lì

Il Presidente del Tribunale
Il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati
Il Presidente del Comitato Pari Opportunità

Ultimo aggiornamento Mercoledì 15 Giugno 2011 15:53
 
<< Inizio < Prec. 41 42 43 44 45 46 47 Succ. > Fine >>

Pagina 47 di 47

Invitiamo gli iscritti a verificare la propria posizione trascritta nella “Sezione Albo“ di questo sito ed a riscontrare eventuali errori che vorranno tempestivamente comunicare presso la Segreteria dell’Ordine. Il Presidente - Avv. Antonello Bevilacqua

.: Variazione dati :.

Si invitano tutti gli Avvocati ed i Praticanti, con o senza patrocinio, a comunicare tempestivamente al Consiglio tutte le variazioni dei propri dati (indirizzo di studio e di residenza, numeri di telefono e telefax, indirizzo di posta elettronica, ecc.) Scarica il modulo

Tot. visite contenuti : 1653835
 54 visitatori online

Privacy Policy